DI TANTI PALPITI

TARTINI Il trillo del diavolo
PAGANINI I palpiti, Sonata in mi minore,
La campanella

BAZZINI Elegia, La ridda dei folletti

Ruggero Marchesi, violino
Roberto Guglielmo, pianoforte

MED 99108






SONAR CON ARCO E PIZZICO

PAGANINI Quartetto per violino, viola,
violoncello e chitarra op.4 n.1

MOZART Divertimento n.3 K.138
BRESCIANELLO Concerto a tre
CORELLI Sonata per violino e basso op.V n.1
RESPIGHI Antiche danze e arie per liuto:
terza suite per archi

Ruggero Marchesi, violino principale
LA CAMERATA DUCALE
Roberto Ilacqua, violino; Alessandro Pandolfi, viola; Jorge Daniel Rossi, violoncello; Lino Binda,chitarra, Francesco Baroni, clavicembalo
MED 00109

Marchesi: come “Sonar con arco e pizzico”. Un disco piacevolmente e utilmente avventuroso quello realizzato ora dalla Camerata Ducale di Parma guidata da Ruggero Marchesi. Un affascinante percorso che il violinista Marchesi a capo di quel suo piccolo, affidabilissimo drappello di strumentisti che è la Camerata Ducale di Parma, mostra di possedere una rassicurante visione che gli consente di muoversi con ben evidente consapevolezza, sia di ordine strumentale che stilistico, di fronte a tale varietà di situazioni; ognuna delle quali trova quindi la giusta misura di eloquio.

Gazzetta di Parma (G. P. Minardi)



PARMA 2001 VERDI Diletti e Passatempi

VERDI Quartetto per archi
PAGANINI Capricci nn.13 e 14; Quartetto per archi e chitarra op.4 n.1
ROLLA Quartetto per archi op.2 n.2

Ruggero Marchesi, violino principale

LA CAMERATA DUCALE
Roberto Ilacqua, violino; Alessandro Pandolfi, viola; Stefano Marcocchi, viola (Rolla); Jorge Daniel Rossi, violoncello; Lino Binda, chitarra
MED 01110


Come ben si sa attraverso lenti alquanto diverse si sono succedute le letture critiche dell’unico Quartetto composto da Verdi, una pagina scritta a Napoli quasi per ingannare il tempo, nella pausa che la malattia della protagonista aveva inaspettatamente recato all’allestimento di Aida; in realtà dietro tale disimpegno ostentato dal musicista si potevano scorgere tante intenzioni, più o meno polemiche, connesse alla netta contrapposizione che Verdi sentiva tra la nostra tradizione e quella «forestiera». Il tempo, naturalmente, ha smussato tanti angoli liberando anche questa pagina da pregiudizi e condizioni; lasciando cioè che la vena melodica che la percorre con vivacità ed estro si espanda in tutta quella sua naturalezza che trascende ogni troppo stretta demarcazione tra retaggio operistico, quasi inevitabile del resto, e pressione formalistica. E proprio tale atteggiamento di distesa disponibilità colloquiale, nel senso cameristico del termine, è il pregio che ben si coglie dalla proposta esecutiva del Quartetto contenuta nel disco realizzato per l’etichetta «Mediterraneo» da Ruggero Marchesi insieme ad alcuni elementi della «Camerata Ducale di Parma», Roberto Ilacqua, Alessandro Pandolfi e Jorge Daniel Rossi, riuniti in una bella intesa strumentale che assicura una condotta del discorso tanto accattivante quanto variamente caratterizzata nei singolari spunti che affiorano dalla partitura. La quale poi trova una cornice ancor più significativa dalla stessa impaginazione, mirata a ricomporre un particolare paesaggio, tutto italiano, dove a far da garanti alle spalle di Verdi sono due compositori in vario modo legati a Parma; Alessandro Rolla, per un decennio primo violino dell’Orchestra Ducale, e Niccolò Paganini che quell’Orchestra Maria Luigia chiamerà, purtroppo senza esiti immediati, a rinnovare. L’esecuzione coglie tanto piacevolmente e con giusta misura stilistica la filigrana classicistica che nutre il Quartetto in fa minore di Rolla (dove il ruolo della viola è sostenuto da Stefano Marcocchi), quanto da risalto al doppio profilo paganiniano, quello ardimentoso e innovatore dei Capricci, due dei quali Ruggero Marchesi affronta con sicura determinazione, l’altro più amabilmente convenzionale quale troviamo nel primo Quartetto dell’op.4 per archi e chitarra, dove la compagine quartettistica della «Camerata» si arricchisce della partecipazione del chitarrista Lino Binda.

Gazzetta di Parma (G. P. Minardi)



ALESSANDRO ROLLA Chamber Music

Tre Gran Duetti Concertanti op.7 per violino e viola
Tre Gran Quartetti Concertanti op.2 per due violini, viola e violoncello
Tre Trii Concertanti op.1 libroII per violino, viola e violoncello
Sonata n.1 in sol magg., Sonata n.2 in mib magg, Piccolo adagio e tema con variazioni, Divertimento in sol min. per violino e pinoforte
Ruggero Marchesi, violino principale
LA CAMERATA DUCALE
Roberto Ilacqua, violino; Stefano Marcocchi, viola; Jorge Daniel Rossi, violoncello; Roberto Guglielmo, pianoforte SY 99167

Un contributo quanto mai importante alla conoscenza di Alessandro Rolla giunge ora dal cofanetto di quattro cd di Symphonia, realizzati dal violinista Ruggero Marchesi con la “Camerata Ducale di Parma”… Complessivamente si tratta di un esito molto convincente per il tenore che sorregge ogni esecuzione, dove la qualità strumentale sempre sorvegliatissima nutre con pienezza quel clima di affabilità discorsiva che mi pare individui il contrassegno più autentico del compositore.

Gazzetta di Parma (G. P. Minardi)

Questo cofanetto costituisce a tutt’oggi il migliore riassunto della produzione di Alessandro Rolla, praticamente inedita su disco...Si nota un savoir-faire ben valorizzato dagli interpreti...Questo cofanetto offre momenti di una grazia squisita.

Le Monde de la Musique (FR) (P. Galonce)

La scrittura di Rolla rivela una squisita concezione del linguaggio del tardo classicismo con grande maturità stilistica e offrendo in più una idiomatica strumentale molto elaborata esaltatando il virtuosismo tecnico che il compositore di Pavia pone sugli strumenti a corda… La Camerata Ducale di Parma, che conta come violinista principale Ruggero Marchesi, offre un’interpretazione dei Duetti, Trii e Quartetti molto ben calibrata, con chiarezza di fraseggio e coerente espressione stilistica. Le esecuzioni scorrono con attrattiva musicalità e rilevanti prestazioni tecniche, così da ricreare la musica di Rolla con respiro e gusto.

Scherzo (SP) (P. Q. O.)

Grande lavoro in quattro dischi dedicato alla figura di Alessandro Rolla…Gli interpreti sono pienamente all’altezza del compito, che non è dei più semplici. Sono tutti ammirevoli per la mole di lavoro che hanno affrontato, con una nota particolare per Ruggero Marchesi presente in tutti i CD, e suonano con sincera musicalità e passione… Ruggero Marchesi suona con sicurezza e fluida musicalità. Giudizio Tecnico: OTTIMO. Interpretazione: OTTIMA.

CD Classica (E. Meyer)

In quattro CD, il violinista Ruggero Marchesi e La Camerata Ducale di Parma ci presentano un’0ttima selezione della musica da camera di A.Rolla, segnando un momento importante per la conoscenza della musica del compositore di Pavia…. I cinque musicisti strumentisti affrontano con adeguata sensibilità e spregiudicatezza melodica i brani presentati nei CD.

Amadeus (M. R. Zegna)

Alessandro Rolla, Chamber Music:, con questo semplice titolo Symphonia Moderna presenta il violino di Ruggero Marchesi e la Camerata Ducale di Parma impegnati a eseguire oltre quattro ore di sonate, trii e quartetti del ragguardevole compositore pavese… Il violino di R.Marchesi e al viola di Stefano Marcocchi brillano per nitore virtuosistico, dicasi pure belcantistico, e sanno affrontare la cantabilità dei movimenti lenti con una soavità, una calma, una sicurezza pari al nitore del suono. Nei Tre gran Quartetti , con l’aggiunta di Roberto Ilacqua al secondo violino e di Jorge Daniel Rossi al violoncello, sono mirabili la trasparenza sonora, l’equilibrio della resa formale, la pompa quasi francese dei minuetti, la capacità penetrativa del violino. Dopo i Tre trii concertanti, che si prestano docilmente all’ormai nota misura degli esecutori, ecco due Sonate, un Piccolo adagio e un Divertimento per violino e pianoforte, che all’arco di Marchesi affiancano la tastiera di Roberto Guglielmo: sempre vivace, lirica, comunicativa l’ispirazione di Rolla, e particolarmente sfumata l’esecuzione.

Rassegna Musicale Italiana (P. Mioli)



PRESAGIOS Orchestral Works

PALMERI Presagios, per violoncello e orchestra
WILLIAMS Niebla en la Pampa
DE SIENA Lyric piece n.2; Aforisma; Lyric piece n.3
ROLLA Concerto per violino e orchestra in la maggiore
Ruggero Marchesi, violino
Jorge Daniel Rossi, violoncello
Giuseppe Ciaramella, pianoforte
Orchestra Sinfonica della Provincia di Matera
Direttore: Fernando Alvarez
SY 02302



NOVECENTO ITALIANO

MEDICI Sonatina
GHEDINI Due Poemi
MARGOLA Sonata breve n.3
LUPI Varianti
BETTINELLI Sonatina da concerto

Ruggero Marchesi, violino
Fabio Menchetti, pianoforte


SH 062





PAGINA PRECEDENTE